2.4 C
Roma
domenica, Settembre 20, 2020

A le romane

Romanucce de Roma! Tortorelle! Sprinze, paciocche, picchie e traccagnole, bionnine, more, ciuche e toppacchiole, zitelle, maritate e vedovelle; che sete arilucente più der sole e più friccicarelle de le...

Sempre accusì

Ne moreno ’gni giorno a centinara! Chi s’ammazza pe’ quarche delusione, Chi vô fà un sarto giù dar murajone, Chi se sbudella pe’ ’na...

All’inventore der viagra

Pozzi esse benedetto, qua la mano! Damme sto cinque, er celo t’abbi in gloria! Tu hai messo un punto e a capo ne la storia; tu hai...

Giojelleria

Mica se tratta qui de’li giojelli che l’orefice mostra a’le persone: questi so’ più sciccosi, assai più belli, che pe’ sprennore nun c’è paragone. Li...

Pennellate su Roma

La tavolozza tua, caro pittore, cià li colori de la nostargia e quanno che spennelli Roma mia me dai ’na puncicata de dolore. Perché arivedo er fiume incantatore senza...

Varda si che raggione!

– Si tu’ moje cià poca ducazzione, te compatisco propio, fijo caro; ma tu nun te fà vedé pecorone, ché allora nun ce metti più ripparo. Presempio, si...

Amore bello

Amore bello, che me lusingate e intanto soridete a questo e a quello; amore bello, che me disprezzate e me trattate come un giocherello; amore bello, che me...

Le lezioni der cinematografo

Chi vô slargasse un tantino la mente Mo nun cià più bisogno de scoletta, Perché adesso la scola più perfetta Se dà ar cinema,...

Er Tevere

’Sto fiume nostro è un fiume raro assai che n’ha viste de tutti li colori: mò so’ dumila anni e più ch’ormai passa qui tra le gioie...

L’arotino

Parcheggia sotto casa er furgoncino, se mette no zinale da barbiere, poi fa girà la mola der mestiere, ma senza faticà, cor motorino. Cià n’arietta...