-1 C
Roma
mercoledì, Novembre 25, 2020

Er budello der sor Giuanni

Freghelo, er sor Giuanni, che budello! E ’ndove j’arisponne er chiavicone? N’ho visti tanti, ma er magnà de quello basterebbe a sazzià venti persone. Abbasta a dì che...

La «palestra dei lettori»

Si te sentissi d’esse un po’ poeta, la «palestra» t’insegna pe’ davero, te dà bòni consiji, dice er vero precisanno da l’a sino a la zeta. A datte...

Catulliana

– Viè’, amore viè’, rigaleme un bacetto; ma lo vojo de fȏco… – Ècchelo, tiè’! – O Dio! Dammene ’n antro qui, Righetto, e...

Gioventù bruciata

Quelli chiamati «gioventù bruciata», che gireno p’er monno a dritta e a manca, mo fanno le rapine a mano armata ne li negozi o...

Er titolato

S’avantava ched’era un signorone, diceva che faceva l’avvocato, che ciaveva lo stemma de barone e che er padre era puro deputato. Lui te faceva sempre...

La loggica der padron de casa

So’ stato a baccajàne dar padrone de casa che, lo sai, m’ha ricresciuto. Avessi visto co’che suggizzione, Peppe, quell’omo lì m’ha ricevuto! – Lei – dice – avete...

Li consiji de la madre

– St’attenta fija mia, st’attenta fija, quanno che sorti assieme a Sarvatore, ricordetelo sempre che l’onore perso una vorta poi nun s’aripija. Da’ retta a mamma tua che...

Er sonetto in dialetto

Se dice nell’ambiente curturale che sto modo de scrive è sorpassato, che er verso a unnìci sillabbe e rimato oggi è solo stucchevole e banale. Sopra un tema...

Da ponte Vittorio

Er celo stigne addietro ar Cuppolone e l’ombra smorza l’urtimo bajore che friccica sur Tevere che score. Rimbomba da San Pietro er campanone. Er ponentino...

M’hai detto: canta!

M’hai detto «Canta!» e canto; ma nun sai che de li canti mii nun c’è più stima? Passò, passò quer tempo (e come mai?), forse nun sarò...