-7.4 C
Roma
domenica, Gennaio 23, 2022

Varda si che raggione!

– Si tu’ moje cià poca ducazzione, te compatisco propio, fijo caro; ma tu nun te fà vedé pecorone, ché allora nun ce metti più ripparo. Presempio, si...

Come pò esse?

Er sor Gregorio, un omo grosso e grasso, siccome se sentiva un gran dolore, uscì da casa e agnede, passo passo, a fasse visità da un bòn...

Er tema

Er tema era de facile attuazzione: «Esprime er desiderio più sentito». E così ogni scolaro a que’l’invito s’infervorò e scrisse in concrusione. Le moto Honda furno a sprofusione richieste...

Er bastone

’N oggetto de pochissimo valore, fatto d’ebbano, faggio, ovverosia d’una spece de legno quarsisia; ma press’a poco sempre d’un colore. E lo porta davero chi se sia: er guitto,...

Via Giulia

Là ’ndove er Fiume fa l’ansa barocca, ne l’ordito de case a nido d’api, là da li Fiorentini ce s’imbocca la strada Giulia: er...

Er sonetto in dialetto

Se dice nell’ambiente curturale che sto modo de scrive è sorpassato, che er verso a unnìci sillabbe e rimato oggi è solo stucchevole e banale. Sopra un tema...

Er funtanone

Er funtanone bello, maestoso, butta giù, co’ ’na furia strapotente, quell’acqua cristallina, trasparente, senza manco un momento de riposo. Guarda si che spettacolo grandioso: l’acqua se scapicolla, ner tramente forma...

Le buche de Roma

Povera Roma, come sei ridotta! Che quadro desolante, che malanno! Tutte le strade stanno sprofonnanno come fussero fatte de ricotta! E ammazzele che buche che ce stanno! Ognuna è...

Er quadro

Ieri so’ stato a fà certi ritocchi a quel’infissi, a casa de tu’ zia; defatti l’ho assestati co’ li fiocchi: adesso vanno ch’è ’na meravìa. E siccome nun...

La forza delle parole

Si le parole fossero farfalle me n’annerebbe a spasso co un retino pe smulinallo ar vento, p’acchiappalle e aridunalle drento de ’n cestino. Poi passerebbe...