21 C
Roma
martedì, Luglio 16, 2024

Er Tevere

’Sto fiume nostro è un fiume raro assai che n’ha viste de tutti li colori: mò so’ dumila anni e più ch’ormai passa qui tra le gioie...

Santa Lucia

Nun devi maledì la boia sorte si er destinaccio è stato troppo avaro; nun hai da dì: – Speramo che la morte me levi...

È bene ricordà

Tu nun pôi immagginà co’ che piacere m’aggusto le polemiche de fôco fra li partiti e le correnti in gioco de ’sti politicanti de...

Er mestiere der ciarlatano

– Vienghino a vedé, egreggi cittadini, e certo aresteranno soddisfatti; qui nun ci suono chiacchiere ma fatti, chi acquista spende bene i suoi quattrini. Lo possono addoprare anche...

Caterinona

– So’ de giardino tenere! – strillava forte er mannolinaro, e: – Caterina ha ingrossato le chiappe! – E camminava lesto lesto pe’ piazza Barberina. ’Na villana davanti...

Er gioco de rulette

Ammazzete che boja la rulette! Te fa pijà ’na voja intorcinata finché te butti: diecimila ar sette e ar zero venti; mamma che accoppiata! La palla parte e...

La passatella

Ecco come se fa la passatella. Vann’un gruppo d’amichi all’osteria, fanno la conta e a chi je tocca quella se chiama er «Conta» de...

Hostaria

Mo a Roma dapertutto l’osteria la chiameno «hostaria», co’ tanto d’acca. Mo puro l’osti metteno la cacca sott’ar naso, hanno arzato l’arbaggia. Ogni bucetto adesso a Roma mia, quarsiasi...

Importanza linguistica

Appena entrato a’la comunità così detta europea, puro l’ingrese pretenne che la lingua da parlà dovrà esse la sua e no la francese. Tanto ch’ha...

Nun vojo che me tocchi

T’aricordi, e Nì, l’occhi co’ l’occhi se guardassimo stesi su l’erbetta mentre che da lontano ’na chiesetta sonava lenti lenti li rintocchi. Io me te strensi forte e...