2.6 C
Roma
giovedì, Marzo 4, 2021

Davanti ar mare

Me ne sto a sede sopra ’no scojetto a panza gnuda, co’ li piedi a mollo, un fularde de seta intorno ar collo e...

Forza d’abbitudine

Maria, la cammeriera, era affacciata a ’na finestra granne der salotto e lì se stava a fa ’na chiacchierata co’ un cammeriere ch’abbitava sotto. La su’ signora, a...

Evviva l’estate

E vedi de piantalla co’ ’sti lagni! Ma che t’ha fatto sciopero er cervello? ’Gni tanto ho da sentì ’st ’aritornello: – Quest’anno nun me manni a...

Martire

Senteme, Toto, nun me strazzià ancora de più de quello che nun so’ strazziata. Ch’ho fatto p’èsse tanto disgrazziata, per avé ’sto martirio che m’accora? Toto, èsse bòno!...

Li fumi pe’ la testa

Perché j'avranno detto ch'è ccarina, Ce s'è mmessa co' un tono ce s'è mmessa… L'avevi da sentì' l'antra mmatina Quanno sortì dda casa p'annà' a mmessa!... Stava dicenno...

Er gioco de rulette

Ammazzete che boja la rulette! Te fa pijà ’na voja intorcinata finché te butti: diecimila ar sette e ar zero venti; mamma che accoppiata! La palla parte e...

Li capelloni a Trinità de Monti

’Sti capelloni stanchi e migragnosi, che vònno vive’ a sbafo de ’gni fesso, vengheno a Roma come li rognosi e rammolliti come er pesce lesso. Ariveno dall’estero ’sti...

Er sarto

È ’n sarto forestiero pariggino e cià er labboratorio a via Montello; si fa ’n vestito pare un manichino e quanno te lo metti sta a pennello. Lavora...

Nun se capimo

Guarda si che ber modo de parlà che cianno ’sti giangurdi maganzesi; sentime, presempio, li francesi: pe’ ditte no, te dicheno neppà! Pe’ ditte a...

Materialismo dantesco

Prima de tutto, sprofonnò all’inferno l’eretico, er ruffiano, er prepotente, er ladro, er linguapuzza, er delinguente pe falli abbruscolì ner foco eterno. Doppo, però, s’intese più paterno e mise...