22 C
Roma
mercoledì, Giugno 19, 2019

Bianca neve

Nevica e Roma è tutta d’un colore. Quanti li fiocchi che hanno tempestato ne la nottata, senza fà rumore, pe’ ritrovà er mattino imbrillantato! Così...

La sorte de l’agnello

L’abbacchio, ossia l’agnello, si volete, è simbolo d’amore e fratellanza; lo dicono perché, come sapete, è tanto bòno: sì, ma pe’ la panza. È ’na bestiola docile, credete, senza...

Ar sinnaco

’Sti du’ versacci vanno ar Campidojo portanno er sentimento der poveta che co’ ’na rima alata e un po’ faceta, fatta de «strafottino» e...

La fontana de li fiumi

Come vede, musiù, ’n’antra fontana uguale nun ce sta ner mappamonno, nun solo pe’ l’effetto de’lo sfonno, bensì pe’ la bellezza soprumana. ’Sti pupazzi, benché...

Evviva l’estate

E vedi de piantalla co’ ’sti lagni! Ma che t’ha fatto sciopero er cervello? ’Gni tanto ho da sentì ’st ’aritornello: – Quest’anno nun me manni a...

Un filme commovente

Iersera, Adè, lì ar vicolo der Fico so’ stata a vede’ proprio un gran firmone, un dramma veramente de passione da stà cor fiato in gola, nun...

L’arbitro de carcio

Quann’er tifoso je strilla «cornuto» nun c’entra la questione coniugale ma è ’no sfogo, der tutto naturale, perché è convinto che lui s’è venduto. L’arbitro,...

Mo passa

Guardatela, guardatela, mo passa… La fata, la padrona de sto core. Passa la grazia, la bellezza, er fiore, che ’na voja de baci smove e lassa. Ma guardate,...

La matina de Pasqua Befania

Ber vede è da per tutto sti fonghetti, Sti mammocci, sti furbi ciumachelli, Fra ’na battajeria de giucarelli, Zompettà come spiriti folletti! Arlecchini, trommette, purcinelli, Cavallucci, sediole, ciufoletti, Carrettini, cuccù,...

Era notte

Era notte. Una notte tanto bella co’ la luna che propio t’incantava. E io stavo a guardà ’na finestrella, che sola fra le tante...