10 C
Roma
martedì, Febbraio 19, 2019

Sur Gianicolo

L’estate, pe’ godemme er ponentino, salisco sur Gianicolo e per tera me fo ’na pennichella sotto un pino e riposo beato insino a sera. Ciuffi...

Primavera romana

Roma se veste a festa; è primavera: er sole indora chiese e monumenti e fa brillà strutture e lineamenti; l’ajole su’le piazze so’ ’na...

Li nummeri pel lotto

– Dunque mettemo: trenta gente assai; sangue me pare stia ar sessantasette, dodici li sordati, diciassette, e cinquantuno, che vordì li guai. – Vetro. Tuta, a che sta?...

Er sonetto in dialetto

Se dice nell’ambiente curturale che sto modo de scrive è sorpassato, che er verso a unnìci sillabbe e rimato oggi è solo stucchevole e banale. Sopra un tema...

Sempre accusì

Ne moreno ’gni giorno a centinara! Chi s’ammazza pe’ quarche delusione, Chi vô fà un sarto giù dar murajone, Chi se sbudella pe’ ’na...

Sfogo d’un servitore

Me succedeno belle! Ce scommetto che te farai tu puro maravija. Oggi nun me voleva caccià via? Perché? Per avé scritto su un fojetto. Ma senti: lei cià...

Serenata

Peppe je volle fa 'na serenata come s'usava ar tempo de 'na vorta: 'na bella sghitarata a mano sciorta cor canto de 'na voce appassionata. Incominciò co' «Affaccete...

Hostaria

Mo a Roma dapertutto l’osteria la chiameno «hostaria», co’ tanto d’acca. Mo puro l’osti metteno la cacca sott’ar naso, hanno arzato l’arbaggia. Ogni bucetto adesso a Roma mia, quarsiasi...

Er premio

Lessi l’avviso: «L’accademia stabbile opre un concorso per un acquarello; pò concore ogni artista der pennello che ciabbi der valore incontrastabbile. Ogni soggetto è libbero...

Ventuno aprile

Bon compleanno a te, bella signora, che strigni in un abbraccio er monno sano, che parli e fai parlà cor còre in mano: retaggio...