4.4 C
Roma
venerdì, Dicembre 13, 2019

Ventuno aprile

Bon compleanno a te, bella signora, che strigni in un abbraccio er monno sano, che parli e fai parlà cor còre in mano: retaggio...

Quel’occhi

Anima bella, rosa ricamata sopra ’na tela d’oro sopraffina, come te posso dì che sei carina si nun m’abbasta manco er nome «fata»? Sotto la...

Pietà pe’ la Pietà

Sémo arivati a questo, mamma mia: a salì su l’artari e, a martellate, sfreggià le statue sante e venerate frutto d’ingegno ardito e de poesia. Co’ le fattezze...

La forza delle parole

Si le parole fossero farfalle me n’annerebbe a spasso co un retino pe smulinallo ar vento, p’acchiappalle e aridunalle drento de ’n cestino. Poi passerebbe...

Pennellate su Roma

La tavolozza tua, caro pittore, cià li colori de la nostargia e quanno che spennelli Roma mia me dai ’na puncicata de dolore. Perché arivedo er fiume incantatore senza...

Vesterne a l’italiana

Er vesterne ched’è? ’Na sparatoria indove tutti moreno ammazzati e certe vorte vengheno impiccati mentre che lo sceriffo ce va in gloria. C’è poi er salone indove co’...

L’aria de primavera

Tutto s’alleggerisce in primavera; s’alleggerisce er corpo cor cervello; la moda sorte fòra più leggera perché nell’aria spira er tempo bello. La primavera è come un ritornello de vita...

Fochi a Tor de Quinto

Quanno dar celo scegne giù la sera e brilla, tra la nebbia, quarche lume, a Tor de Quinto, là vicino ar fiume, s’accenne er...

Er dialogo

– Papà, lo vedi er monno che schifezza? – Lo vedo, fijo mio, e ciò un magone! Me so’ ridotto a la disperazzione: ’ndò...

Eva

Doppo d'avé giocato p' un ber po', solo come un frescone, a bottonella, Adamo, stracco morto, se sdraiò da dietro a 'na spajera de...