Evviva la diverzità

Che un omo sii, appett’a un antro, uguale è solo ’na fregnaccia bella e bona; e, puro si er discorzo nun te sona, è questa, sarvognuno, la...

La bellezza der dialetto

Jersera m’hanno fatto un discorzetto e t’assicuro senza ’na raggione. Dice: – M’hai da scusà l’osservazzione, ma tu te porti appresso un gran difetto. Nun sei capace de...

La badante

Da quanno che j’ho messo la badante mi’ nonno, che lo possinammazzallo, è diventato vispo come un gallo e ha riscoperto er gusto de l’amante. ’Sta tizzia, che...

Guera tra poveri

– Io sta quaggiù da l’Africa lontana, dove ha famiglia e dodici fratelli. – Ma, gnente, ariveranno pure quelli? Speriamo de fermalli a la dogana! – No, loro...

Er sogno der bon pastore

Cor nullaostia de la providenza fo er paroco a ’na chiesa de Fumone; so’ conosciuto come don Torzone, però tutti me chiameno eminenza. Dispenzo grazzie e accordo l’indurgenza a...

Er congresso de Brusselle

Siccome s’è tenuto ’sto congresso perché er probblema dell’immigrazzione mette l’Uropa unita in apprenzione, e questo pe l’Italia è un gran successo… Defatti er berpaese troppo spesso è stato...

Er vero amore

Pe contaddimme Cosima è maestra: tra de noi dua c’è sempre un gran divario. Dico ’na cosa? Lei sostiè er contrario. Vado a sinistra? Lei procede a...

Quer che nun ce sta più

Quattro filari d’arberi sfronnati, er pergolato de ’na pizzeria; e, su ’na collinetta fora via, palazzi, come fonghi, incolonnati. Chilometri de vigna rosicati dar male peggio d’un’epidemia: er cemento che...

’Na carezza

Quanno che ’na carezza viè ispirata dar desiderio de compiacimento, è un gesto spojo, senza sentimento; s’accorda co ’na musica stonata. Ma quanno, viceverza, è stimolata da quell’affetto che...

Er vero saputo

Si tu je dichi: – Sta a volà un somaro! – lui t’ariprica: – Già ne so’ ar corente. – Si tu conoschi un sito in...