25.1 C
Roma
giovedì, settembre 6, 2018

Furto continuato

Maledetta quell’ora e quer momento che zompai sopra ar tramme a Porta Pia; mo nu’ lo proverebbe ’sto tormento ch’è er fastidio più granne che ce sia! E...

Caterinona

– So’ de giardino tenere! – strillava forte er mannolinaro, e: – Caterina ha ingrossato le chiappe! – E camminava lesto lesto pe’ piazza Barberina. ’Na villana davanti...

Er budello der sor Giuanni

Freghelo, er sor Giuanni, che budello! E ’ndove j’arisponne er chiavicone? N’ho visti tanti, ma er magnà de quello basterebbe a sazzià venti persone. Abbasta a dì che...

Bacio de mamma

Dico la verità, stavo avvilito; doppo una sbiossa simile, chi è quello che nun se sente rivortà er cervello e tutto quanto er corpo indebbolito? A stà bene...

Er monumento a Cola

Quanno che ieri agnedi a Campidojo a fà caccià le carte pe’ Vincenzo, viddi in mezzo ar giardino, su ’no scojo, la statuetta de Cola de Rienzo. C’era...

Un ballo de socetà

– Permettete ’na pòrca, signorina? – Io ballo poco. – Embè, nu’ je fa gnente; annamo, via, ché mamma lo consente; faccio pe’ faje fà ’na giratina. –...

La povesia

Si vòi sapé ched’è la povesia da’ ’na sgamata drento ar dizzionario: te spiega ch’è una musica, è armonia, è svolazzà in un monno immagginario su l’ali d’oro...

Natura e arte

Ciò una ragazza io ch’è una bellezza e se pò dì ch’è fatta a perfezzione. Lei cià bon peso, cornicione, artezza e cià l’occhi più neri der...

Li lamenti der somaro

Se lagnava un somaro: – So’ jellato; so’ stato rivennuto a certa gente che si me stanco nu’ je frega gnente: e quante bastonate m’hanno dato! Penzà che...

La frana de la giustizzia

Fra li crolli successi ar palazzaccio quello che un tempo fece più impressione fu quanno che cascò giù lo spadone de la giustizzia addosso a un poveraccio. Ma...