19.5 C
Roma
domenica, Settembre 27, 2020

Innamorato

Tu m'hai fatto poeta e tu m'ispiri! Tu se' quella ch'er monno me colora… So' geloso dell'aria che respiri, so' geloso der vento che te sfiora! Odio l'arte,...

La tommola

Si ognuno cià vicino 'na maschietta, er gioco de la tommola è carino perché, mentre co' l'occhi se spaghetta, se gioca puro sotto ar tavolino. Ah, lì sotto,...

Un po’ de sole

Sole d’autunno, sole generoso che te posi su me come su un fiore; sole che indori, limpido e radioso, l’arbero scheletrito d’un amore… Fra tanto gelo, sole luminoso, barsamo...

Er virus co la corona

Te lo ripeto, devi statte accorto. P'er viruse che c'è e viè da la Cina ancora nun ce sta la medicina. Metti 'na mascherina sopra ar vorto; siccome...

Er matrimonio de còre

Rimasti soli, lei co’ lo sposetto E che la compagnia se n’era annata, quasi piagnenno, pòra ciorcinata, fece ar marito: – Sentime, Righetto: inzino adesso nun t’avevo detto che...

Pennellate su Roma

La tavolozza tua, caro pittore, cià li colori de la nostargia e quanno che spennelli Roma mia me dai ’na puncicata de dolore. Perché arivedo er fiume incantatore senza...

Le fatiche d’un deputato

Incontro a casa mia c’è un deputato che mo j’ha preso come ’na passione, de fà stà er corpo suo i’ lavorazzione e da tienello sempre esercitato. Sta...

La sottoscritta

Nun so’ ’na poetessa de cartello, cioè… ve vojo dì… nun so’ ’na cima; però pe’ mette insieme quarche rima ce vò pure ’n tantino de cervello. Si...

Ar sinnaco

’Sti du’ versacci vanno ar Campidojo portanno er sentimento der poveta che co’ ’na rima alata e un po’ faceta, fatta de «strafottino» e...

La canofiena

Quanto ce godo a fà la canofiena assieme a lei che ride e cià paura! – Oddio! Va’ piano! – Zitta, sta’ sicura: strigneme forte e nun...