Er virus co la corona

588

Te lo ripeto, devi statte accorto.

P’er viruse che c’è e viè da la Cina

ancora nun ce sta la medicina.

Metti ‘na mascherina sopra ar vorto;

siccome poi, tra l’antro, è  carnevale,

la maschera, sur grugno, nun sta male.

***

‘Gni vorta, quanno tu vedi quarcuno,

salutelo sortanto da lontano.

Si poi lo tocchi, lavete le mano.

E, prima de lavatte, sta’ a digiuno.

Si quello, che poi incontri, cià la tosse,

scappa de corsa, come gnente fosse.

***

È vero che so’ troppe prescrizioni,

ma cerca de stà attento e concentrato.

Si le rispetti tutte è confermato

che nun ciavrai rotture de cojoni.

‘Sta corona cor virus: che carvario.

Ce sarvi la corona der rosario!

 

Claudio Garbarino