San Giuvan-de-giuggno

61

Domani è ssan Giuvanni? Ebbè ffìo mio,

Qua stanotte chi essercita er mestiere

De streghe, de stregoni e ffattucchiere

Pe la quale er demonio è er loro Dio,

 

Se straformeno in bestie; e tte dich’io

C’a la finosomia de quelle fiere,

Quantunque tutte-quante nere nere

Ce pòi raffigurà più d’un giudio.

 

E accusì vanno tutti a Ssan Giuvanni,

Che lui è er loro santo protettore,

Pe la meno che ssia, da un zeimilanni.

 

Ma a me, co ’no scopijo ar giustacore

E un capo-d’ajo o dua sott’a li panni,

M’hanno da rispettà come un ziggnore.

 

Giuseppe Gioachino Belli