5.2 C
Roma
lunedì, Aprile 6, 2020

E poi...

LI STORNELLI DE BRUNO

Undici: E POI...

E giù decreti, l’uno a l’antro appresso,

pe chiude tutti in casa come in cella;

ma quelli che già c’ereno – è successo! –

tutti a scappà. Mo c’è l’acchiapparella.

Poi, sbarrato ogni negozzio,

chi der sudde stava in ozzio

via de cariera

portanno er male là dove nun c’era.

Dodici: ER FIOTTO DER PAPA - 1

Er papa puro da la parte sua,

viduto er risurtato de Milano,

è sceso in campo, scosso a tanta bua,

giranno mezza Roma... piano piano.

A l’amichi tutti quanti

le madonne, cristi e santi

ha chiesto in pena:

– Nun vedete la gente in quarantena?


Chi ce sarverà!

Roma se sveja, immerza ner chiarore

dun sole stanco, pallido e svojato.

Er notizziario già lha sentenziato:

comincia un antro giorno de dolore.

 

«Invocamo Gesù, nostro signore»

esorta don Colombo dar sagrato.

«Ora prenobbi» canta, disperato,

un coro assente. Tanta gente mòre.

 

La vita muta maschera, saffanna

e quarchiduno penza a sto contaggio

che in fonno appare come na condanna.

 

Ma ner framente sboccia primavera:

un fiore è la speranza e dà coraggio;

pe chi cià fede ancora nun è sera.

Aristide Bruni


Er governo novo

Appena er presidente incaricato
comincia er giro de conzurtazzioni,
t’acchiappa li medesimi marpioni
e pe nojantri… piove sur bagnato.

Perfino chi l’aveva contestato
ritorna su le propie decisioni:
debbotto ridiventeno amiconi
come quarmente avesseno scherzato.

Defatti se rinnoveno la stima,
pe praticà er «principio d’arternanza»,
che lassa tutto come stava prima.

Così er governo novo, come er vecchio,
è novo ne la forma, ma in sostanza
ciaiuta a ripijassela in der… secchio!

Er Berzajere