Mi’ moje

30
di Umberto Del Grande

Mi’ moje è un esemplare de bontà,
però cià la mania de contraddì’:
si so’ stanco e nun parlo,ho da parlà’
e si parlo cià sempre da ridì’.

Co’ tutto quello che me fa soffrì’
Io, francamente, la dovrebbe odià’;
ma che vòi fa, la devo compatì:
è nata male e me l’ho da cibbà.

Si quarche sera scrivo, nu’ je va:
dice che è tardi e devo annà a dormì;
si dormo e ronfo, lei me viè a svejà.

Solo ’na vorta nun me contrariò:
fu quanno ar prete io je dissi «sì»;
cor cavolo che lei disse «no»!