’Na recluta nova

28
di Bartolomeo Zagaja

Se pò? Scusate tanto! È compermesso?
Chi so’? So’ io: Bartolomeo Zagaja!
Dice che qui c’è in corzo ’na battaja
tra tanti gradiatori de successo.

Vojo partecipà, si m’è acconcesso,
perché a parlà la lingua me se incaja:
me paro uguale a un asino che raja
e tutta la faccenna accade spesso.

Ma quanno scrivo è un antro par de cazzi:
lì fila tutto liscio come l’ojo
e nun m’inceppo manco si m’ammazzi.

Fateme intrufolà ne ’sta buriana:
nun ve ne pentirete. Quer che vojo
è d’appioppà du’ botte a la romana.