Guera tra poveri

29

– Io sta quaggiù da l’Africa lontana,
dove ha famiglia e dodici fratelli.
– Ma, gnente, ariveranno pure quelli?
Speriamo de fermalli a la dogana!

– No, loro va in nazione americana.
– Ma tu stai qui tranquillo e nun favelli;
e, più che antro, a rompe li granelli?
Però co me te tocca stà in campana.

Co tanti micchi in giro, sor tizzone,
tu rubbi a me un possibbile lavoro
e, come si nun basta, fai er padrone?

’Mbè, me dispiace, ma la guera è guera!
Mo chiamo li carubba, così loro
controlleno e te sbatteno in galera.