Er pescatore

126
di Niro

Pescetti, pescatore impenitente,
ogni giorno che l’estro lo commanna,
sfidanno l’aria e er sole più cocente,
pija l’arnesi e lassa la capanna.

Va giù pe’ fiume, guarda la curente,
poi principia a pescà e nun ce s’addanna:
si quer giorno la pesca è inconcrudente,
ni’ je smove la punta de la canna!

Pensa: sippuro è miracolosa
la pesca, a mano vòte nun se torna
perché pòi trovà sempre quarche cosa.

Infatti un giorno, su que’l’onne chiare,
nun pijò er pesce ma trovò le corna:
«pescò» la moje insieme cor compare!