Parla ’na cameriera

139
di Lodovico Minnetti

Comincia appena s’arza la matina
Co’ l’acqua d’orzo e latte un po’ allungato
E ammalappena che se l’è strozzato
Pija er salolo e poi l’antipirina.

Appresso pìa le gocce d’ergotina;
Pe’ nun tené lo stommico impicciato
Se beve la magnesa cor cedrato,
Poi se strufina in testa la chinina.

Er doppo pranzo è sempre talecquale:
S’ignotte gocce e intruj d’ogni razza
Da mantenecce armeno ’n ospedale.

Così ne viè che in mezzo a ’sta buriana
Nun pòi capì se questa è ’na regazza
O è la farmaceutica romana!