L’Unione senza forza

69

Sfòra de ’n giorno er giuramento der governo israeliano novo, che ce sarà giovedì prossimo: lo strombazza Benny Gantz, presidente der parlamento e premier indicato dopo Benjamin Netanyahu a la scadenza de li diciotto mesi de mannato. Er rinvio è messo in relazione a l’arivo der segretario de stato americano Mike Pompeo, che dovrebbe da discute li piani che vonno allargà la sovranità a l’insediamenti ebraici in Cisgiordania e a la valle der Giordano. Peter Stano, portavoce de l’arto rappresentante Josep Borrell, dice la sua su sto punto: l’annessione nun è in linea cor diritto internazionale; si Israele insisterà cor piano d’annettese parti de la Cisgiordania occupata, l’Unione agirà de conseguenza. Nun è chiaro come se svilupperà l’azione congiunta europea, ma la fonte medema annuncia ’n’iniziativa: li ministri de l’esteri affronteranno er tema ne la riunione de venerdì; la Ue comunque se renne conto de l’esigenze de sicurezza d’Israele che ha sostenuto.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Josep Borrell