A Marcè, sei troppo forte!

139

A Cracovia, ’ndò se svorgeva un festivalle de pianoforte pe quer dio bionno che se chiama «Duettissimo&quot», Marcella Crudeli è stata propio forte. Ha tenuto un concerto pe la musica italiana che m’ha fatto piagne le lagrime che nun ho pianto mai; eppuro ho veduto li mejo, e je stavo sott’ar naso: da Rubinstein a Gilets, da Kempff a Michelangeli. E lassamo perde Horowitz. Marcella ha dato a tutti ’na lezione de come se toccheno li tasti, de come ce se pò giocà, de ’nteliggenza musicale e de come se sòna. Da fasse venì l’infantijoli, pe ’n’arte de ’n’antr’epoca che oramai nun c’è più; grazie dar profonno der còre pe sti momenti che nun se pònno scordà!

Ste du’ parole der concertista e musicologo Mark Solé-Leris fanno capì mejo de gnent’antro perché ar maestro Crudeli j’hanno dato er premio musicale intitolato a Cataldo Bancheri, clinico famoso, che s’aricordano tutti quelli che l’hanno conosciuto e se so’ scialati de le qualità e de l’umanità sue.

Drent’ar Rotary Club Roma Tevere, che organizza sto premio tutti l’anni e mo l’ha fatto pe la siconna vorta, lui ha saputo fà respirà un’aria de armonia e guasi de famija, fatte conto ’no spazzio inframmezz’a la nostargia de l’armonia der bluese, ar genere classico de la lirica, a la prescia de l’arittimi de oggi e ’r genio de ’mprovvisà der jazze.

Un artista da nun discute, si è vero che ’gni voja de ’nventà fa capaci de condivide co l’anima un’opera indove li protagonisti so’ due: chi la fa e chi sa ariccoje quello che significa.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione de Massimo Moraldi)

Ne la foto: Cataldo Bancheri