Scontro dialettico

141
di Goffredo Giorgi

Quanno che la funtana fu sbracata
nun ce fu scampo pe’ l’attentatore.
Tutti ’n pretura pe’ la sceneggiata
e pe’ sentì l’accusa e ’r difenzore.

– Quela funtana s’era fracicata! –
urlava scatenato l’oratore.
– Ma forse intende dire «fradiciata»
piccato ironizzò l’accusatore.

– No, guardi: fracica vor dì fregata,
vor dì che drento è marcia ’nzino ar fero.
Fradicia, ’nvece, vole dì bagnata.

Nun c’è bisogno de fà ’na perizzia,
dia rett’a me, è marcia pe’ davero;
fracica drento: come la giustizzia.