Er porco e er somaro

206
di Michele Ceccarelli

Disse er porco ar somaro: – Sei un cojone!
Lavori tutto quanto er santo giorno
senza avé tempo pe’ guardatte attorno
e sei trattato a córpi de bastone.

Io, invece, so’ curato co’ attenzione
benché der capo nun me frega un corno;
me magno un ber pappone a mezzogiorno
e l’avanzi serali a colazzione.

Tu je tiri er caretto e sgobbi duro;
io, viceversa, magno e nun fatico
e in quanto a lavorà nun me ne curo.

– A dilla franca nun hai detto male,
– j’arispose er somaro – ma nun dico
quer che t’aspetta mo che viè Natale.