Er matrimonio de còre

39
di Riccardo Viviani

Rimasti soli, lei co’ lo sposetto
E che la compagnia se n’era annata,
quasi piagnenno, pòra ciorcinata,
fece ar marito: – Sentime, Righetto:

inzino adesso nun t’avevo detto
che a stà in cucina nun ce so’ tajata.
Che vòi, nun ce so’ stata abbituata.
Capisco be’ che questo è un gran difetto

E me figuro come te dispiace.
Faccio la spesa e poi come se fa
Quanno che nun so’ bòna a cucinalla? –

Ma er marito, co’ tutta la su’ pace,
j’arispose: – Nun te la sta– a pijà,
tanto nun ciò li sordi pe’ crompalla.