E chi è ’sto fregno?

13
di Giggi de Tormarancio

Chi mai sarà ’sto fregno che barbotta,
che parte a testa bassa e lancia in resta?
Fusse, per caso, un gallo senza cresta
oppure un fior de fìo de ’na mignotta?

Un gradiatore co le palle lotta,
cià solamente un chiodo fisso in testa,
l’unica cosa che je viè richiesta:
distrugge l’avverzario co ’na botta!

Voi sete de ’na razza assai focosa…
Forzi a teatro come ballerine,
ma nell’arena è tutta un’antra cosa.

E lì ve toccherà beccavve quarche sbiossa!
Vabbè, fateve sotto, signorine:
venite a pìavve ’sta scrocchiata d’ossa!