Consiji de padre

11

Je l’avrò detto mille vorte: – Aspetta,
credi a papà, sposasse è compricato.
Penzece bene, già te l’ho spiegato,
se tratta de ’na bella cotoletta! –

Ce crederessi? Nu’ m’ha dato retta!
Diceva: – Sai, Checchino c’è tajato,
e ammalappena che m’avrà sposato…
– Farà er guadambio de Maria Cazzetta!

Finché ce stanno ancora li «bollori»,
la cosa va a faciolo a tutt’e dua;
ma doppo, a giochi fatti, so’ dolori.

Io poi, si parlo, parlo pe sperienza
e propio quanno avevo l’età tua
ho fatto la medesima scemenza.