Innamorato

220
di Gino Castellani

Tu m’hai fatto poeta e tu m’ispiri!
Tu se’ quella ch’er monno me colora…
So’ geloso dell’aria che respiri,
so’ geloso der vento che te sfiora!

Odio l’arte, quell’arte che tu ammiri,
che t’avvince, te scalla e t’innamora;
l’odio perché t’arubba li sospiri
senz’abbadà ch’er còre mio dolora.

Basta che tardi un po’ a l’appuntamento
che io galoppo co’ la fantasia,
me sento solo e soffro, e me tormento…

Poi, co’ te accanto, è tutta ‘na schiarita:
sopra la bocca tua stampo la mia
e risento er profumo de la vita!