La canofiena

34
di Benito Mezzaroma

Quanto ce godo a fà la canofiena
assieme a lei che ride e cià paura!
– Oddio! Va’ piano! – Zitta, sta’ sicura:
strigneme forte e nun te pijà pena. –

E più la sento che me s’incatena
e trema tal e quale a ’na cratura,
più me verebbe voja addirittura
d’arivà in cèlo co’ la canofiena.

Me piace tanto a staje tra le braccia,
mentre che freme co’ quer batticôre
che j’accenne le fiamme su la faccia!

E vorebbe passà la vita intera,
stretti su quela cunnola d’amore,
a baciasse cusì, fra cèlo e tera!