La «mandracata» de la vita

32

Pe interpretà lo spirito romano  

impertinente e un po’ sbeffeggiatore,  

nun basta er genio: ce vò pure er còre

e «l’erba vojo» pe volà lontano.

 

Giggi era tutto questo: un popolano

dotato d’una mente superiore,

abbile a recità da mattatore,  

e senza mai tradì l’aspetto umano.

 

Me piace immagginallo su ‘na stella

a declamà er monoloco d’un dramma      

o a straformà quer dramma in cojonella.

 

È troppo immenso er vòto che ha lassato!

E Roma piagne, come quarsiasi mamma

che invoca er propio fijo tanto amato!

 

Aristide Bruni