L’incendio doloso

104

Monte Ciocci va a fòco a fine mese

e brucia un pomeriggio de l’estate.

S’aspetta un intervento «sarvo intese»

co le misure urgenti più adeguate.

 

S’aricorda Nerone quanno accese

tutta l’urbe ne le stagioni annate

e mo ritorna ancora a nostre spese

pe fà rivive l’epoche passate.

 

L’imperatore forse nu’ lo fece

ma j’è rimasta addosso appiccicata

la fama come a chi lo fa in sua vece.

 

Ma più de tutto quello che sconcerta

è la massa che agisce indisturbata

de piromani che so’ sempre all’erta.

 

Losservatore romanesco