Gigi è arivato

60

Sente bussà a le cinque de matina.

San Pietro sbuffa e se tocca la barba.

Mezzo assonnato, a lui poco je garba

arzasse presto, ché la notte prima

ha festeggiato, assieme a tutti quanti,

la ricorenza detta d’Ognissanti.

 

Opre er portone e poi co gran stupore

se trova a tu per tu co un viso noto;

l’ha visto ne li firme e in tante foto:

cerca de ricordasse chi è st’attore.

Da come poi se move e da l’aspetto

s’accorge che se tratta de Gigetto.

 

Subbito s’organizza e scampanella.

Sur palco mette sedie e tavolini,

quarche bottija e un po’ de tramezzini,

paste a la crema e creppe a la nutella.

– Gigi è forte, je basteno du’ appunti

pe facce ride puro a «li defunti»! –

 

Claudio Garbarino