Er confessore mio

137
di Nino Buzzi

Er confessore mio? Che pacioccone!
Quanno che j’aricconto li peccati,
che so’ sempre li stessi ma pepati,
sospira e poi me dà l’assoluzione.

Predicozzi e sermoni so’ adattati
a la zitella incinta, ar pomicione,
ar micco, ar carbignere, ar birbaccione,
a tutti li crienti affezionati.

Prima me sente, pieno de pazienza;
poi dice: – È un pezzo che nun te confessi
e ammucchi bojerie su la coscenza.

– Dovete da scusamme, fra Libborio.
– ‘Sti peccati però, sempre li stessi!
Si t’ariesce cambia repertorio.