Rifamo pace

74
di Augusto Canini

Perché quanno me vedi, ciumachella,
me te vorti de spalle e tiri via?
T’ho fatto, forse, quarche boieria
o, nun volenno, quarche marachella?

Puro tu ce lo sai, picchietta bella,
che da quanno t’ho avuto in compagnia
se’ stata sempre la salute mia
e t’ho amato più assai de ’na sorella.

E dunque nun me fa’ più tribbolà
e viemme a levà presto da ’ste pene
che me fanno ’gni giorno spasimà.

Rifamo pace, viè, bellezza bella,
che io te vojo sempre de più bene…
Rifamo pace, viè, nu’ scappà via!