Eva

49
di Nino Ilari

Doppo d’avé giocato p’ un ber po’,
solo come un frescone, a bottonella,
Adamo, stracco morto, se sdraiò
da dietro a ‘na spajera de mortella.

Manco se fu addormito che passò
er Padreterno e fece: – Serenella,
l’amico ronfa. Ah sì? ‘Spetta che mo
t’accomido du’ ova a la padella. –

E fece Eva. Appena che ‘sta scoccia
vidde Adamo, nun se poté tené
e agnede a tinticaje la capoccia.

Adamo se svejò, fece: – Chi ène? –
Se vidde Eva davanti e fra de sé
disse: – Avemo finito de stà bene!