Effetto divino

80
di Bartolomeo Zagaja

Io, caro Peppe, ho sempre perdonato
a chi me fa un discorzo da ignoranti,
perché li cazzi da sapé so’ tanti
e chi li sappi tutti è attitolato.

Ma tu stai propio for dar seminato
e si te guardo è come avé davanti,
opri l’orecchia, er padre de li santi,
tra l’antro un tantinello imbarzamato.

Si fussi, sarvognuno, più a la mano,
faresti ’na bonissima impressione
e passeresti puro pe romano.

Pò darzi che sei er vate de li vati,
ma quanno parli dai la sensazzione
che spesso te fai un giro pe Frascati.