16 C
Roma
mercoledì, Giugno 3, 2020

Caffè notturno

Lo chiameno er «Caffè der pidocchietto»… Uno dorme appoggiato a un tavolino; un antro ronfa, lungo su un banchetto e le braccia je fanno da cuscino. Su l’arco...

Er parlà de li regazzi

La gioventù d'adesso che va a scòla nun sa parlà né in lingua e né il dialetto, ner fà un discorzo scapola e ciriola, stenta e a...

Serenata

Peppe je volle fa 'na serenata come s'usava ar tempo de 'na vorta: 'na bella sghitarata a mano sciorta cor canto de 'na voce appassionata. Incominciò co' «Affaccete...

La posizzione

Giacché la posizzione nun ce l’ha, dice ch’è stufo de stà insieme a me. Però ’sta cosa a me nun me va be' e dimme tu si...

Quadretto agreste

Trainanno un carro quasi primordiale un bove scenne giù ne la vallata dove ce so' quattr'arberi, un casale e 'na mandria che pascola beata. In arto, su un...

Ispirazzione

Drent'a la villa, tra le piante in fiore, l'acqua che scegne forma 'na cascata. La gente ce s'ispira a tutte l'ore; pe' quant'è bella, resta lì incantata. 'Gni...

Dialetto nostro

Ho inteso dì da un omo de dottrina ch'er dialetto romano passa e more, che nun se parla più co' quel'amore de li tempi de Belli, Checco...

Bella fiorara

Bella fiorara mia, tresteverina, quanno me fermo a rimirà la mostra tra tanti fiori la bellezza vostra troneggia come immaggine divina. Ciavete la boccuccia corallina, l'occhioni mori, un fascino...

Li fumi pe’ la testa

Perché j'avranno detto ch'è ccarina, Ce s'è mmessa co' un tono ce s'è mmessa… L'avevi da sentì' l'antra mmatina Quanno sortì dda casa p'annà' a mmessa!... Stava dicenno...

Magnà e dormì

So’ du’ vizietti, me diceva nonno, che mai nessuno te li pò levà, perché so’ necessari pe’ campà sin dar momento che venimo ar monno. Er primo vizio...