Er Tevere

67
di Vincenzo Croce

’Sto fiume nostro è un fiume raro assai
che n’ha viste de tutti li colori:
mò so’ dumila anni e più ch’ormai
passa qui tra le gioie e li dolori.

Scóre gajardo e carmo; ma ’n sia mai
je zòmpeno de botto li furori!…
Quante vorte pe’ Roma ha fatto guai
smorzanno a tutti quanti li calori!

Nell’acqua sua de ’n ber colore bionno
li romani ce giòcheno a sguazzetto
da quanno Roma s’è affacciata ar monno

pe’ grazzia e volontà de Romoletto.
Penza si quanta storia sta ner fonno
de ’sto Tevere nostro benedetto!