Esperienza

106
di Leoniero Bagnoli

Entrava in d’un portone a via Milano.
– Signorina, permettete? – e la fermai.
Lei permesse e accosì l’accompagnai
su pe’ le scale insino ar terzo piano.

Ma lì je feci ’n atto da marano.
Sur primo lei ce stava: la baciai,
me feci aribacià, l’abbraccicai…
e poi me feci sotto co’ le mano.

– Ahò! – me fece – Mica t’hai da crede,
sor facciatosta mio, ch’io sia de quelle!
Io, certe cose, nu’ le posso véde!

– ’Mbè, – feci – chiude l’occhi, si’ scanzata!
– De che? Ma vallo a dì a’le tu’ sorelle!
Io l’ho chiusi ’na vorta e m’è abbastata!