Er tuffatore

122
di der Braciola

Nino ce disse, fece: – Mo ce provo!
Vado lassù in pizzo ar trampolino
e quant’è vero che me chiamo Nino
ve faccio un tuffo co’ ’no stile novo.

Me butto orizzontale, a sfilatino…
Doppo m’arincartoccio come ’n ovo;
poi m’addrizzo in modo che me trovo
pronto p’entrà in acqua, fino fino. –

E anniede lassù: come ’na palla
fece du’ zompi, li piedi appiccicati;
poi spiccò er volo come ’na farfalla.

Noi l’aspettamio tutti emozionati;
ma, siccome tardava a venì a galla,
doppo tre ore se ne semo annati…