28.3 C
Roma
venerdì, Luglio 19, 2019

La canofiena

Quanto ce godo a fà la canofiena assieme a lei che ride e cià paura! – Oddio! Va’ piano! – Zitta, sta’ sicura: strigneme forte e nun...

Er palloncino

Giostra, attaccato a un filo, un palloncino tra li viali de la villa, attento: studia er momento bòno co’ l'intento de potesse sgancià dar regazzino. E tira e...

La democrazia

Si la democrazia, com’è accertato, vordì forza d’un popolo, sto fatto significa che un popolo affiatato potrebbe fà osservà qualunque patto? Questo in teoria. Ma in pratica? Peccato che...

Liquidazione romanesca

– Tutto pe’ corpa sua si l’ho lassata, poteva fà de meno la ciovetta; volevo faje ’na riccommannata pe’ daje ufficiarmente la disdetta; poi, quanno stammatina l’ho riletta, m’è...

A le stelle

Sbrilluccichio de stelle, occhi sgranati su ’na paggina nera de mistero… Ogni scenziato che v’ha interogati s’è sentito più piccolo de zero. Astri de luce e dubbio, mai...

Caffè notturno

Lo chiameno er «Caffè der pidocchietto»… Uno dorme appoggiato a un tavolino; un antro ronfa, lungo su un banchetto e le braccia je fanno da cuscino. Su l’arco...

Er parlà de li regazzi

La gioventù d'adesso che va a scòla nun sa parlà né in lingua e né il dialetto, ner fà un discorzo scapola e ciriola, stenta e a...

Serenata

Peppe je volle fa 'na serenata come s'usava ar tempo de 'na vorta: 'na bella sghitarata a mano sciorta cor canto de 'na voce appassionata. Incominciò co' «Affaccete...

La posizzione

Giacché la posizzione nun ce l’ha, dice ch’è stufo de stà insieme a me. Però ’sta cosa a me nun me va be' e dimme tu si...

Quadretto agreste

Trainanno un carro quasi primordiale un bove scenne giù ne la vallata dove ce so' quattr'arberi, un casale e 'na mandria che pascola beata. In arto, su un...