Vorebbe domannà

92
di Luigi Babusci

Tresteverina bella che passate
pe’ ’sta stradella e che me soridete,
vorebbe domannà: che nasconnete
ne’le fattezze vostre rinserate?

Vorebbe domannà: chi v’ha create
que’le bellezze che voi possedete?
Dev’esse’ ’na reggina de’le fate
pe daje lo sprennore che ciavete.

Vorebbe divve tante cose care
che ciò rinchiuse in cȏre pe’ voi sola,
pe’ voi pittura rara fra le rare.

Ma, appena che ve vedo solamente,
sento salimme un gnocco in de la gola…
Vedo passavve… e nun ve dico gnente!