Un filme commovente

21
di Mario Villa

Iersera, Adè, lì ar vicolo der Fico
so’ stata a vede’ proprio un gran firmone,
un dramma veramente de passione
da stà cor fiato in gola, nun te dico.

C’è lui, un tenente che se chiama Enrico,
che torna da’la guera der Giappone;
ariva a casa e drento ar credenzone
trova la moje assieme co’ l’amico.

– Ah, – dice – scellerata, delinquente!
E tu, brutto boiaccia impervertito!
Mo v’ammazzo, vi uccido mortarmente! –

Ce credi, Adè, me so’ sentita male
e me so’ stretta tutta a mi’ marito
penzanno a quela vorta… co’ Pasquale!