Er canto de’la castità

55
di Antonio Artibani

Luna mia, bella luna inargentata
che guardi fissa la finestra mia,
dimme perché mo stai così impostata:
che, gnente, te sei messa a fà la spia?

Che male c’è si a ’st ’ora sto affacciata?
Nun so resiste’ a tutta ’st ’armonia:
se sente da lassù ’sta serenata?
’Sto canto dorce che me dà in pazzia?

’Ste note a me me vanno drent’ar cȏre;
’sto canto cusì bello appassionato
è d’un regazzo che ce fo l’amore.

Luna d’argento, lasseme a’l’oscuro,
vattene a illuminà quarch’antro stato,
ché mo l’amore mio scavarca er muro!