Io te vorebbe dì…

110
di Elio Spasiano

Io te vorebbe dì: sei tanto bella
che Venere de Milo ce sfigura
perché ciai er portamento e la figura
più mejo assai de quarsisia modella.

Io te vorebbe dì che tu sei quella
che domini in qualunque congiuntura
pe’ grazzia, tatto, brio, fama, curtura
e brilli più che qualunqu’artra stella.

Che tu sei brava, onesta, intelliggente
e sai cantà, ballà, sonà, scorpì,
dipigne’ e scrive’ prose e poesie

in modo veramente sorprendente…
Io tutto questo te vorebbe dì,
ma nun so’ bȏno a dì tante bucie.