A le romane

37
di Giggi Zanazzo

Romanucce de Roma! Tortorelle!
Sprinze, paciocche, picchie e traccagnole,
bionnine, more, ciuche e toppacchiole,
zitelle, maritate e vedovelle;

che sete arilucente più der sole
e più friccicarelle de le stelle;
che co’ quelle boccucce risarelle
me fate dà de vorta a le cariole!

Dico nu’ scastagnamo, o belle o brutte
pensate un po’ come ve pare e piace,
ma nu’ mancate che v’aspetto a tutte.

Vienite, giuncatelle fresche fresche,
vieniteve a rimette’ er core in pace
co’ quattro buscarate romanesche.