Fregula e arosticini

160

Prima de le elezioni in Sardegna erimio rimasti ner dubbio se arcuni cannidati annaveno arimannati avanti o aveveno da rimané indietro; ma, dato che er vizio italiano del doppo scrutinio elettorale è sempre quello de dichiarà che in un modo o ne l’antro hanno vinto tutti, stavorta ha da esse chiaro che l’unico vincitore è stato Conte che cià azzeccato a schierà Alessandra Todde contro Paolo Truzzu.

Certo, è ’na vittoria risicata co ’na percentuale de zero e quattro punti che nun rennerà comunque facile er governà in Sardegna, ma è un segnale elettorale forte, puro perché er 10 marzo andranno a votà li cittadini de l’Abruzzo.

Ieri sera pare che er cosiddetto «effetto domino» sia stato ar centro de un vertice de FdI, tenuto da Giovanni Donzelli e Arianna Meloni, perché sembra tritticà la sedia de Marsilio e perciò bisogna raggionà su strategie nove, che nun sieno però er voto disgiunto voluto da la Lega per l’elezione sarda.

Ar ministro Sarvini, che cià sempre idee controcorente pure rispetto a la coalizione sua, dedicamo un proverbio de casa nostra che nun cià bisogno de traduzioni: «A chi se immischia co le fraschette la minestra je pija de fumo».

Chissà se la coalizione de centrosinistra, doppo avé gustato un primo de fregula sarda, riuscirà a finì er pranzo co l’arosticini abruzzesi.

Monica Bartolini

Ne la foto: Alessandra Todde