Dialogo solidale

56

Quasi cinquemila euro so’ stati arimediati a Brescia tra l’immigrati musurmani e affidati a la chiesa cattolica pe dalli a favore de la popolazione de l’Italia centrale corpita dar sisma. Drento la moschea de via Corsica se so’ aritrovati vari rappresentanti de la comunità islamica che hanno voluto compie st’atto concreto: le bombe nun fanno distinzione tra cristiani e musurmani, cusì li teremoti; uniti ne la condivisione der dolore, ma pure ne la solidarietà. Ne l’occasione er siriano Omar Ajam, davanti a li rappresentanti de quarch’ufficio diocesano, ha spiegato le ragioni profonne der gesto: ce lo sapemo ch’è solo ’na goccia ner mare de li bisogni, ma se spera che se possi dà anche solo un piccolo sollievo a li teremotati. Er decreto milleproroghe che stann’a convertì ar senato interviene in materia finanziaria e organizzativa: nun pare che ciarientra er rinvio pe l’istessi teremotati de la restituzione de le somme che so’ ite a fenì drento la cosiddetta busta pesante.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: stand ne la moschea