Er miraggio

125

Quarche settimana fa a Bologna è schioppato er putiferio pe la decisione de la giunta comunale de mette er limite fisso de trenta chilometri all’ora drento le mura cittadine. Le associazioni de li negozianti hanno baccajato forte pe paura che er passaggio de le machine fusse de meno de meno e l’affari loro annassero in calo. Nun è sicuro nemmanco che, limitanno la velocità, se leveno l’ingorghi e se renne scorevole er trafico.

Trasportanno la quistione alla capitale, famo un po’ de chiarezza e de paragoni.

Secondo ’no studio dell’Inrix, la socetà che analizza li flussi de trafico in tutto er monno, ner 2020 la percorenza media a Roma è stata carcolata in 24 chilometri all’ora e avemo vinto er premio de prima città più caotica d’Italia e diciottesima der monno pe via der grado de la congestione der traffico.

Ma… fermi tutti! Er 2020 è stato l’anno de la pandemia! Annanno indietro de un anno solo, ner 2019; Roma era sesta: antro che diciottesima! Dietro de noi città immense come New York, Mosca, Philadelphia, Chicago, Parigi e Quito!

Ner report der 2022 nun è annata mejo perché semo sì saliti ar tredicesimo posto mondiale, ma co ’na media oraria de 13 chilometri all’ora, mentre Bologna è ducentoventisettesima co ’na media oraria de 16. Peggio de noi solo Torino e Palermo.

Insomma, seppure je viè in mente a la giunta de Gualtieri nun potemo che fà festa: magara annassimo armeno a trenta chilometri orari drento sta città incasinata!

Monica Bartolini

Ne la foto: er divieto