La voja

55
di Armando Morici

– Dichi davero? Fammela vedé…
– Fermete co’ le mano, nun toccà.
– Che ciarimetti? – Tirete più in là;
ma che te sei ammattito, Romolè?

– È piccoletta? Che colore cià?
– Eh, fijo, quante cose vòi sapé;
leva ’sta mano, fermo, lì nun c’è…
– Ma allora me lo dichi indove sta?

– Che razza de sfacciato! Guarda un po’
si pò esse più birbo d’accusì…
– E famme vedé… – Gnente, ho detto no.

Ma che te gira? Statte fermo, su…
– Famme vedé la voja… – A regazzì,
me pare che la voja ce l’hai tu!