Rivoluzione a Miss America

36

Il premier israeliano Benyamin Netanyahu reagisce alla intenzione dell’ayatollah Ali Khamenei di incrementare l’arricchimento dell’uranio nel suo paese: non siamo sorpresi e non permetteremo all’Iran di avere armi nucleari. Dopo la coppia di tedeschi sorpresi a derubare un operaio napoletano sull’aliscafo per  Capri, è ora la volta di una pittrice inglese che a Portofino tenta di impadronirsi di uno yacht Sangermani quotato centocinquantamila euro: la donna, già ricercata per altri due reati, si era posta al timone della imbarcazione spingendola fuori del porto, ma è stata fermata in tempo da un ormeggiatore che aveva avvertito i carabinieri e i militari della capitaneria di porto. L’amministratore delegato della Qatar Airways e presidente dell’Associazione internazionale del trasporto aereo Akbar al Baker sostiene che per gestire una compagnia aerea ci vuole un uomo; questo non gli ha impedisce, nel corso di un convegno sulla diversità, di rivendicare il merito di essere stato il primo ad assumere piloti donne; ha poi aggiunto che una donna potrebbe candidarsi alla sua successione, a condizione che sia lui a prepararla. Rivoluzione femminile annunciata dal capo della organizzazione di miss America Gretchen Carlson: le partecipanti al concorso di bellezza non dovranno presentarsi in costume perché non saranno più giudicate in base al loro aspetto fisico. Mezzo milione di studenti si prepara alle prove di maturità che inizieranno il 20 giugno: la circolare ministeriale sugli adempimenti tecnici prevede il divieto tassativo di utilizzare qualsiasi apparecchiatura elettronica in grado di accedere alla rete o riprodurre file e immagini. Il palermitano Marco Cecchinato, numero settantadue nel mondo, è l’ottavo tennista italiano a qualificarsi tra i primi quattro nel Roland Garros: l’ultima volta era stata a Parigi nel 1978, quando Corrado Barazzutti giocò la semifinale contro Bjorn Borg che gli concesse soltanto un game.

Lillo S. Bruccoleri