Ar conte Erminio

59
di Nando der Tufello

Nisun cazzaccio nasce già imparato
e chi se riesce a procurà er bagajo
de conoscenza, che viè sempre a tajo,
appett’a l’ignorante è artoslogato.

Ma si è convinto d’esse accurturato,
però nun è, subbisce un gran travajo:
se fionna a dì stronzate, a lo sbarajo,
come che stasse a dà l’oro colato.

Dice un proverbio che «chi sbaja impara»;
lo sanno tutti, meno er genio astuto
der «Mignottone de la Gargottara»!

Chissà che nu’ je giovi un po’ de scola,
datosi che, ner mentre fa er saputo,
s’arancia a scrive co ’na rima sola.