Chi more giace

26

Gaudenzio s’ammazzava de fatica
pe mette ar pizzo e avecce un capitale,
sicuro de sfangalla in modo tale
da fà le scarpe puro a ’na formica.

Ma, a forza de magnà pane e mollica,
un giorno sfortunato stiede male,
de corza fu portato a l’ospedale
e mo è fenito a concimà l’ortica.

La vedova ce soffre e se conforta,
assieme a le tre fije «bonelane»,
co la suddivisione de la «torta».

Quanno chi spippa lascia un po’ de beni,
er morto è morto, mentre chi rimane
smette de piagne e ride senza freni.