La posta celere

193
RUGANTINO n. 12901 del 09 agosto 2011
di Tomassino Filippi

Poi se dice che nun cammina gnente.
Ma ieri me so’ dovuto da ricrede
e ve ricconto mo com’è che agnede;
ve lo giuro: è successo veramente.

Spedisco un sonetto sempricemente
a ’n amico gran poeta che ce crede,
che stimo de Trilussa grosso erede,
p’aringrazziallo doverosamente.

Du’ giorni doppo ariva fresco fresco
pe’ mezzo de la posta un ber sonetto
co’ ’n invito gradito in romanesco.

Un servizzio da giudicà perfetto
che sa tanto de mefistofolesco.
Nisuno cià creduto a chi l’ho detto.