L’estro de Martufoni

41
di Giggi de Tormarancio

L’esilio annerà bene a Martufoni
e a voi, gradiatorelli da strapazzo,
che lì sippure acchiappi tutt’er mazzo
ce pò sortì un concerto de tromboni.

V’ho detto tante vorte de stà boni
perché de verzi nun capite un cazzo
e l’isola co Iside a lo sguazzo
sarebbe ’na rottura de cojoni.

Quella è ’na cosa che je va a faciolo
a chi cià gusto de cercà ’na donna
che pare ’na civetta sur mazzolo.

Oppure ar fregno buffo pecoraro
che appena che la vede je se fionna
come s’addice a un pezzo de somaro.