La reverzibbilità

17

Si ciò ’na penzioncina reverzibbile,
e nun te dico quanto m’è costato,
sarà pure un diritto conquistato;
e me la vòi levà? Com’è possibbile?

Un tale affronto cià de l’incredibbile
e tu, governo mio, che si’ ammazzato,
pe via che quarchiduno ha sperperato,
vòi renne ’sta migragna disponibbile?

Ciò un par de fìi che so’ disoccupati,
ma magneno e se vesteno l’istesso,
è chiaro a spese mie, da che so’ nati.

Mo io, pe carità Dio me perdoni,
nun chiedo gnente, ma me sia concesso
de nun avé rotture de cojoni.