Un ballo de socetà

6
di Luigi Cattani

– Permettete ’na pòrca, signorina?
– Io ballo poco. – Embè, nu’ je fa gnente;
annamo, via, ché mamma lo consente;
faccio pe’ faje fà ’na giratina.

– Provamo un po’… – Sentì’ che sonatina?
Che amore de cadenza ce se sente?
Girate un po’ co’ me. – Ih! Un accidente!…
– Che v’ho pistato? – Ah no? Porca matina!

– Pardon, pardon… V’ho fatto male assai?
– Nun posso più stà in piedi! – In vita mia
’sta cosa qui nun m’è successa mai.

Metteteve a sedé… – Mo tanto è fatta.
– Ve se passa er dolore? – È annato via.
– Volete ribballà? – Eh, fussi matta!