Er monumento a Cola

7
di Filippo Clementi

Quanno che ieri agnedi a Campidojo
a fà caccià le carte pe’ Vincenzo,
viddi in mezzo ar giardino, su ’no scojo,
la statuetta de Cola de Rienzo.

C’era co’ me, pe’ caso, er sor Furgenzo,
quello che cià quer magazzino d’ojo,
lassù fòra de porta San Lorenzo,
che te sa ciafrujà qualunque imbrojo.

E me spiegò come quarmente è stato
un tribbuno che ruppe le catene
der popolo e morì morto ammazzato.

– E vedi, – disse – pe’ mostrà che Cola
arippresenta er popolo per bene,
je c’è rimasta la camicia sola!